Categoria: Scienza e ricerca

A Giovanna Campioni il prestigioso premio Bakken Invitation

Giovanna Campioni, coordinatrice di AICCA Onlus – Associazione Cardiopatici Congeniti Adulti, ha ricevuto il prestigioso premio Bakken Invitation istituito da Medtronic Foundation. La cerimonia di premiazione è avvenuta sabato 12 gennaio alle Hawaii. 

Il riconoscimento viene assegnato annualmente a quelle persone che, con l’aiuto della tecnologia medica, hanno superato gravi problemi di salutee hanno fatto la differenza all’interno della propria comunità, migliorando la vita degli altrie contribuendo sensibilmente all’avanzamento nella conoscenza e nel trattamento della malattia. Fra i 12 vincitori provenienti da tutto il mondo, Giovanna Campioni rappresenta l’Italia e, insieme ad altri due premiati, il continente europeo. Un riconoscimento importante per lo straordinario impegno di Giovanna e per il primato che questo porta con sé: per la prima volta nella storia del Bakken Invitation, a vincere è una persona cardiopatica congenita, affetta da una complessa malformazione del cuore sin dalla nascita. 

Un’infanzia trascorsa tra gli ospedali quella di Giovanna, che ha superato quattro delicatissimi interventi chirurgici a cuore aperto, quando anche alcuni “luminari” della cardiochirurgia non le davano speranza. Giovanna Campioni, invece, non solo ce l’ha fatta, ma ha trasformato la sua vita in una preziosa risorsa per tutti gli altri malati, mettendosi all’opera in prima persona per AICCA, l’associazione nata nel 2009 con l’obiettivo di creare una rete di aiuto tra pazienti, con il supporto di medici, chirurghi e psicologi specializzati nella cura delle cardiopatie congenite. Da volontaria a Coordinatore Nazionale, oltre che membro del board di ECHDO(European Congenital Heart Disease Organization), con una specializzazione in Peer Counselingper dare sostegno psico-sociale ai pazienti portatori della stessa disabilità, soprattutto tra le corsie dei reparti di Cardiologia e Cardiochirurgia Pediatrica e dei Congeniti Adulti dell’IRCCS Policlinico San Donato.   

Un prestigioso riconoscimento come il Bakken Invitation è un’opportunità per aumentare la consapevolezza sulle cardiopatie congenite, non ancora adeguatamente riconosciute a livello clinico e sociale, e per contribuire al compimento del progetto di Giovanna Campioni e AICCA: costruire un network di aiuto a livello nazionale ed europeoper i pazienti, bambini, adolescenti e adulti, e i loro familiari. Un progetto che permette di indirizzarli verso i centri più specializzati a livello internazionale, fornire loro una rete di assistenza sociale, contribuendo con un supporto logistico ed economico, e un’adeguata consulenza psicologica. 

In questo ambito spicca l’IRCCS Policlinico San Donato, centro di eccellenza nazionale ed europeo per la cardiologia e cardiochirurgia delle cardiopatie congenite su pazienti di ogni età, dal neonato all’adulto, nonché struttura di riferimento per la ricerca scientifica e l’approccio multidisciplinare alla patologia.

Il prof. Camillo Ricordi nominato massimo esperto per la cura del diabete

L’italiano Camillo Ricordi, Direttore del Diabetes Research Institute and Cell Transplant Center dell’Università di Miami e in Italia Presidente del Consiglio di Amministrazione di IRCCS ISMETT di Palermo, è stato insignito del titolo di “massimo esperto mondiale nel campo dei trapianti di isole pancreatiche per la cura del diabete” da Expertscape, un sito specializzato in medicina messo a punto negli Stati Uniti che funziona come una vera e propria agenzia di ranking della salute.

Expertscape è, infatti, in grado di effettuare valutazioni che si basano su un calcolo oggettivo che si basa sulle pubblicazioni scientifiche dell’ultimo decennio valutandone la qualità della rivista, la posizione come autore nell’articolo, il fatto che sia una pubblicazione recente o meno.

Il Prof. Ricordi è noto per aver inventato il primo dispositivo al mondo in grado di isolare grosse quantità di cellule produttrici di insulina dal pancreas umano e per avere condotto con successo la prima serie di trapianti di isole pancreatiche in grado di curare il diabete. Questa procedura viene oggi utilizzata in tutti i centri medici del mondo che effettuano trapianti di insulae. Il prof Ricordi èautore di oltre 1.000 pubblicazioni scientifiche che hanno ricevuto oltre 40.000 citazioni. Lo scorso anno era stato nominato Fellow della National Academy of Inventors. Si tratta di uno dei più importanti riconoscimenti scientifici internazionali, riservati a inventori nel mondo accademico che con il proprio spirito di innovazione e con le loro eccezionali scoperte hanno sortito un impatto concreto sulla qualità della vita, sullo sviluppo economico e sul benessere della società.

Dal 2004, il prof. Ricordi ricopre l’incarico di presidente del Consiglio di Amministrazione di ISMETT, grazie alla collaborazione fra il prof. Ricordi, ISMETT e la Fondazione Ri.MED è stato possibile dare vita al progetto che ha portato alla costituzione della Cell Factory per la produzione di prodotti cellulari per terapie avanzate in medicina rigenerativa ed avviare il programma di trapianto di isole pancreatiche anche a Palermo.

AVIS premiata alla Camera tra le 100 Eccellenze Italiane

Nella prestigiosa cornice della Sala della Lupa in Palazzo Montecitorio si è svolta nella serata di giovedì 29 novembre la quarta edizione del Premio 100 Eccellenze Italiane, promosso dall’editore Riccardo Dell’Anna, occasione nel corso della quale è stato anche presentato il volume di pregio che raccoglie le storie di tanti personaggi e aziende che rappresentano un campione virtuoso dell’italianità nel mondo.
Tra i 100 premiati vi è stata anche AVIS NAZIONALE e il premio è stato ritirato dal presidente nazionale, Gianpietro Briola.
A fare gli onori di casa è stato lo stesso editore Dell’Anna che, visibilmente emozionato, dopo aver rivolto il consueto saluto alle autorità e i doverosi ringraziamenti alle persone che hanno reso possibile la concretizzazione di questo nuovo evento celebrativo, ha espresso l’auspicio che l’Italia, da lui definita ‘terra di bellezza senza tempo’ si volga ad un processo il cui fine sia l’elevazione della nazione stessa attraverso la ripresa dell’economia nel rispetto del territorio, luogo privilegiato nel quale si manifesta la benevolenza della natura nei confronti della penisola, vera e propria culla di un’identità culturale che appartiene a tutti gli italiani. L’arte, l’architettura, l’urbanistica sono mezzi che devono concorrere a costruire un senso di appartenenza nei cittadini, ha affermato Dell’Anna, così come i valori dell’ospitalità e dell’amore di cui gli italiani sono prodighi fanno rivolgere il pensiero alle ulteriori possibilità di crescita in questa direzione da parte delle nuove generazioni che vanno educate alla sostenibilità attraverso scelte che incoraggino la rigenerazione delle risorse del Paese. La passione per la bellezza, l’attenzione alla tradizione e la promozione dell’innovazione, ha concluso l’editore, esprimono con forza il nostro carattere di italiani e soprattutto di liberi pensatori. All’introduzione di Riccardo Dell’Anna hanno fatto seguito gli interventi dei relatori, tutti esponenti del Comitato d’Onore che ha proposto e vagliato personalità e imprese degne di ricevere la Pigna d’Onore, il simbolico riconoscimento d’eccellenza in pietra leccese. A moderare i lavori, vera e propria madrina dell’evento, è stata invitata quest’anno la giornalista Alda D’Eusanio che ha condotto la serata con guizzi di ironia ed una efficace semplicità, conferendo alla manifestazione un piacevole tono di leggerezza, pur senza sminuirne la dignità.
Tra i premiati più noti l’allenatore Antonio Conte, l’attore Lino Banfi e lo stilista Renato Balestra.

Ai professori Ferrara e Sagnotti della Normale di Pisa i Premi della Fondazione Von Humboldt

Due prestigiosi riconoscimenti a due professori di Scienze della Scuola Normale Superiore. Andrea Ferrara (nella foto), ordinario di Cosmologia e Preside della Classe di Scienze, e Augusto Sagnotti, ordinario di Fisica Teorica, si sono aggiudicati, rispettivamente, il “Carl Friedrich von Siemens Research Award” e lo “Humboldt Research Award” dalla Fondazione Alexander von Humboldt, con sede in Germania.

La Fondazione, che prende il nome dal grande naturalista tedesco Alexander von Humboldt, assegna ogni anno premi e borse di ricerca a scienziati e accademici stranieri che si sono distinti per l’eccellenza della loro ricerca e del loro insegnamento, in vista di collaborazioni scientifiche con Istituti e gruppi di ricerca tedeschi.

I professori Ferrara e Sagnotti ritireranno i premi della Fondazione von Humboldt a Bamberg, nei giorni 28-31 marzo 2019, in occasione del Simposio annuale.

Andrea Ferrara svolge ricerche di tipo teorico e numerico sulla formazione delle prime galassie e buchi neri nell’Universo priomordiale. È Joint Professor dell’Institute for Physics and Mathematics of the Universe di Tokyo. Ha ricevuto diversi premi internazionali, tra cui i prestigiosi Blaauw Prize, Tinsley Prize e Severo Ochoa Fellow, oltre a una ERC Advanced Grant.

Augusto Sagnotti svolge ricerche sulla Teoria dei Campi e delle Stringhe, con particolare attenzione al problema della rottura della Supersimmetria e al suo ruolo nella Cosmologia. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra i quali una Miller Fellowship dell’Università di Berkeley, il Premio SIGRAV della Società Italiana di Relatività Generale e il Premio Margherita Hack.

I premi della Fondazione Von Humboldt potranno essere investiti in progetti di studio e ricerca in Germania.

A Tiziana Claudia Aranzulla del Mauriziano di Torino il Premio Firenze Donna del Comitato dei Cento – Riconoscimento 2018 “In onore dell’Italia che ci onora”

La dottoressa Tiziana Claudia Aranzulla, cardiologa interventista dell’ospedale Mauriziano di Torino, ha vinto il Premio Firenze Donna del Comitato dei Cento Riconoscimento 2018 “In onore dell’Italia che ci onora”. La Presidente del Comitato dei Cento Maria Oliva Scaramuzzi nei giorni scorsi ha conferito, presso l’Accademia dei Georgofili a Firenze, i Riconoscimenti 2018 a Tiziana Claudia Aranzulla, Bio – On, Centro di Geodesia Spaziale Giuseppe Colombo, Veranu. L’edizione 2018 vede il conferimento dei riconoscimenti a una delle dieci cardiologhe interventiste più brave del mondo, dottoressa Tiziana Claudia Aranzulla; a Bio – On, azienda leader nelle biotecnologie per l’utilizzo di materiale biologico; al Centro di Geodesia Spaziale “Giuseppe Colombo”, importante sistema per lo studio della Terra in una società evoluta; e Veranu, giovane azienda realizzatrice di un rivoluzionario pavimento capace di generare energia elettrica pulita. Tutte realtà assolutamente prestigiose in fortissima espansione, che portano, con onore, nel mondo il nome del Paese Italia. Durante la cerimonia la Aranzulla ha illustrato il suo percorso personale e professionale e il modo in cui vive ogni giorno l’amore ed il senso profondo del suo lavoro. Ha invitato la platea ad aumentare consapevolezza e sensibilità riguardo le problematiche cardiache, in particolare, ma non solo, delle donne.

Il Comitato dei Cento è stato istituito nel 1996 dalla Fondatrice Serena Zavataro Triglia e dal Consiglio Direttivo del “Premio Firenze Donna”, allo scopo di promuovere iniziative volte a meglio far conoscere e onorare settori della vita italiana particolarmente efficienti e meritevoli. La parte luminosa del nostro Paese deve sempre più essere visibile e ascoltata, divenendo, soprattutto per i giovani, costante modello di onestà, impegno, professionalità e stimolo a ben operare. Sono le parole riportate sul Piatto d’argento conferito ai premiati. Il riconoscimento “In onore dell’Italia che ci onora” con la consegna dei premi a importanti e particolari realtà nazionali, selezionate e votate dall’Assemblea. L’Italia è stata sempre, nella Sua storia, madre di artisti, imprenditori, personaggi importanti, che ne hanno portato alto il nome in giro per il mondo, e il Comitato dei Cento crede fermamente che questo sia assolutamente degno di essere manifestato e conosciuto e che sia giusto ripartire parlando anche e soprattutto di ciò che funziona, che va bene e che merita rilievo e riconoscimento. I premiati sono degli esempi che con il loro impegno hanno dato vita a sistemi, modi di lavorare e idee innovative che hanno cambiato e cambieranno usi e costumi, accrescendo posti di lavoro, orizzonti ed eccellenze nel mondo.